Ascolto pro-attivo

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

Ascolto pro-attivo

 

Nel contributo di Ram Charan [#] la centralità dell’ASCOLTO è caratteristica essenziale del successo nelle relazioni: Charan propone semplici chiavi per migliorare la qualità dell’ascolto pro-attivo, che si ricorda essere caratteristica particolarmente presente in soggetti dotati di alti livelli d’Intelligenza Emotiva.

ESTRATTI

‘’ (..) La mia conoscenza del feedback a 360° dei leaders aziendali indica che 1 su 4 di loro ha un deficit d’ascolto i cui effetti possono paralizzare la collaborazione tra unità, posizioni di carriera, e se è dell'amministratore delegato questo il deficit, l'organizzazione deraglia. Ma questo non deve essere il caso. Nonostante gli ambienti di business frenetici di oggi, i leaders  possono padroneggiare l'arte dell’ascolto disciplinato.

Generalmente si consiglia d’essere emotivamente intelligenti E disponibili per un migliore ascolto. Tuttavia, un buon ascolto richiede in realtà molto di più: per un ascolto veramente empatico, prendete in considerazione questi suggerimenti:

  • Disciplina l’ascolto > Ho visto come Larry Bossidy, ex CEO di Honeywell, nel trattare con un il leader di una business unit presentata come opportunità di investimento tecnico per $ 300,000,000 di dollari, Bossidy ha diviso un foglio di carta su tre quarti di diametro. Sul lato più a sinistra del foglio, ha scarabocchiato note dettagliate; sul lato più a destra, annotava di tanto in tanto due o tre parole, catturando ciò che percepiva essere delle intuizioni su questioni da portare alla sua attenzione.

E’ stata applicata una semplice tecnica che lo ha disciplinato ad ascoltare attentamente il contenuto importante, focalizzando le domande di follow-up sui punti che davvero contavano. Se questo è il vostro metodo, dovreste allenarvi a segnare i punti preziosi di una conversazione. Poi lasciate che l'altra persona sappia che son stati compresi, per esser sondati, chiarendo o modellando ulteriormente quei pensieri. I vantaggi di questo metodo vanno oltre la conferma che avete ‘’sentito bene’’: in primo luogo, l’interlocutore verrà gratificato dato che si sta veramente cogliendo l'essenza del suo pensiero e delle sue idee; in secondo luogo, questa gratificazione motiva e stimola alla creazione di soluzioni condivise.

 

L’Ascolto apre davvero la porta al collegamento ed è la porta per la costruzione di relazioni e capacità.

 

  • Ascolta attivamente: considera la fonte 

Quando si lavora con i coetanei, e tra i team, attivarsi per capire schemi e mappe mentali di ogni persona di riferimento è estremamente importante quando (ad es.) sorgono divergenze. Quando si capisce veramente il punto di vista degli altri, si hanno più probabilità di raggiungere soluzioni produttive; inoltre, tutti i partecipanti si sentiranno compresi, sia che la soluzione verrà adottata o meno. Ancor meglio, è probabile che la soluzione non si rivelerà essere quella che è stata posta sul tavolo da una delle parti; bensì sarà l’effetto di questo approccio personalizzato e dell’ambiente che si crea per la conversazione.

 

L'ascolto attivo (con umiltà, non aggressione) energizza gruppi, li incoraggia a raggiungere il consenso, e li aiuta a giungere a nuove e migliori soluzioni.    (…)

 

  • Rallenta > C'è una ragione per cui, nel corso degli anni, si ha perso la capacità di ascoltare. Ci si sente troppo passivi, come all'opposto dell’impulso d’azione.

 

XXXIII16_III_Ascolto pro-attivo on selezione-formazione.org - ODG16E’ molto più veloce convergere ad una decisione sulla base delle informazioni che già avete. Ma così facendo, si dimenticano importanti considerazioni e si sacrificano la possibilità di ‘’connettersi’’. Comprendere che, all’inizio del cambiamento del tuo stile di ascolto verso uno più empatico, può rivelarsi (spesso) inefficiente: l’abilità nel sentire veramente qualcuno e riprodurre l'essenza dei pensieri altrui sottostanti, di modo che entrambe le parti risultino chiare riguardo che è stato comunicato, richiede tempo. (..)

 

  • Sii onesto > Nessuna abitudine si modifica senza disciplina, feedback, e pratica. (..)

Esplicitamente traccia un regime di esercizi con i quali si pratica l’ascolto empatico ogni giorno e si rafforzan le tue abilità. A seguito delle interazioni, prendere l'abitudine di chiedere a sé stessi se si è davvero capita l'essenza di ciò che vi è stato detto, il punto di vista, il contesto della persona, le loro emozioni. Inoltre chiedetevi se quella persona sa che i suoi pensieri sono stati ascoltati e compresi.

 

  • Ascolta con umiltà > Per i leaders, l'ascolto è una competenza centrale per il successo. Al suo interno, l'ascolto connette. La vostra capacità di comprendere il vero spirito di un messaggio E come va comunicato, dimostra la vostra comprensione: tutto questo è di primaria importanza nella formazione delle connessioni e di un leader efficace.

Questo è il motivo per cui, nel 2010, la General Electric a lungo considerata l'azienda preminente nella produzione di capi, ha ridefinito  ciò che ‘’cerca nei suoi capi’’. Ora i ‘’luoghi dell’ascolto’’ sono tra i tratti più desiderabili dei potenziali leaders. Infatti, il CEO Jeff Immelt di GE Chairman ha confermato che l’ascolto ‘’umile’’ è tra le prime quattro caratteristiche dei loro leaders.

 

‘’Come è meraviglioso che nessuno ha bisogno di aspettare un attimo
prima di iniziare a migliorare il mondo’’.
            Anna Frank

 

L’ascolto veramente empatico richiede coraggio, la volontà di lasciar andare le vecchie abitudini e di abbracciarne di nuove che potrebbero, in un primo momento, risultare inefficienti in termini di tempo, mentre una volta acquisite, queste abitudini d'ascolto, costituiscono le stesse competenze che trasformano gli aspiranti leader in quelli veri.’’

 

 

 

‘’Noi non impariamo ad ascoltare, pensiamo all’ASCOLTO
come l’attesa del ns turno di parlare: 
quando dovremmo ‘’esser in ascolto’’
stiamo pensando a quel che stiamo per trasmettere.
..stiamo veramente insegnando < COME ASCOLTARE >
tanto quanto sappiamo parlare?’’
Zander Woodford

 

 

 

Nelle ns attività professionali continuamente interagiamo con altri soggetti: clienti, followers, collaboratori, fornitori, partners commerciali, ed anche eventuali ‘’controparti’’ in caso di contenzioso. Nella ns vita personale – ancor più – siamo connessi.. e la qualità dell’interazione con i ns affetti assume una valenza vitale.

Per ns esperienza diretta ed indiretta siamo tutti consapevoli di quanti danni possono scaturire da una relazione interpersonale insoddisfacente e, talvolta, deleteria..

 

Abbiamo sperimentato personalmente l’experience di ‘’essere davvero ascoltati’’?

 

Siamo in grado di applicare l’expertise dell’essere noi stessi [e per primi] validi ascoltatori?

 

SOFT SKILLS < ATTITUDINI VS TRATTI di PERSONALITA' >  

 

L’ASCOLTO presuppone una disponibilità d’intendi [e d’animo] oltrechè mentale e si traduce in comportamenti ben distinti e riconoscibili come realmente ‘’orientati all’interlocutore/i’’

 

XXXIII16_IV_Ascolto pro-attivo on selezione-formazione.org - ODG16Nel mio format centrato sulla Comunicazione di Qualità, si offre l’opportunità di sviluppare il concept della COMUNICAZIONE intesa experience unica che, oltre alla trasmissione efficace d’informazioni, considera il < come si comunica > interrelato al tipo di relazione che si sviluppa tra le persone nel corso della stessa interazione: determinanti della qualità della RELAZIONE effettivamente percepita ed esperita.

L’ASCOLTO PRO-ATTIVO è una essenziale componente [non l’unica..] della ns partecipazione all’atto ed all’effetto della COMUNICAZIONE {Invito alla lettura del mio articolo ‘’COMUNICAZIONE secondo Grice [PdC]’’ } : esistono tecniche ed elementi peculiari che connotano la Comunicazione di Qualità, come chiave di volta [e di svolta] del rapporto interpersonale.

 

 

ASCOLTO come front-end

 

 

 

 

 

 

Olga De Giorgi

CONSULENTE di SELEZIONE, HR & SALES CONSULTANT, FORMATORE

 

 

 

 

 

 

Citazioni tratte:
[ # ] articolo titolato ‘’The Discipline of Listening’’ by Ram Charan on hbr.org [21/6/’12]
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Posted in SVILUPPO del POTENZIALE.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.