LeaderShip + Intelligenza Emotiva DEVELOPMENT

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

                                                           LeaderShip + Intelligenza Emotiva DEVELOPMENT                                                  

 

 

Intelligenza Emotiva

 

Nella sfera comportamentale / relazionale è essenziale il ruolo dell’Intelligenza Emotiva per la valenza che riveste specificatamente negli effetti manifesti [azione] ed nei riflessi insiti all’interazione. Ampio spazio nel mio e-book ‘’COMPETENZE MANAGERIALI’’ è proprio dedicato a precise focalizzazioni sull’Emotional Intelligence secondo le due principali scale di misurazione dell’I.E. riconosciute formalmente

 

 

 

 

Intelligenza Emotiva [I.E.] = Emotion Intelligence [EQ]

 

In un articolo pubblicato il 9/2/’16 on forbes.com [1] Travis Bradberry segnala che dai dati di una ricerca svolta su

500 dirigenti emerge

‘’alla domanda posta < per quale motivo alcune persone sono più efficaci di altri sul luogo di lavoro? >  

risposte sorprendenti: i leader hanno scelto "personalità" come la ragione principale.

In particolare, il 78% dei dirigenti ha detto che la personalità attribuisce grande dipendenti a parte, più che

in forma culturale (53%) e anche le competenze di un dipendente (39%).

 

Il problema è che quando i leader dicono 'personalità' non capiscono quello a cui stanno facendo 

riferimento. La Personalità è costituita da un insieme stabile di preferenze e le tendenze

attraverso cui  ci avviciniamo al mondo. Essere introverso o estroverso è un esempio di un importante

tratto della personalità.

SOFT SKILLS < ATTITUDINI VS TRATTI di PERSONALITA' >

 

I tratti della personalità si formano in tenera età e sono fissati nella prima età adulta. Molte cose importanti

su di te cambiano nel corso della vostra vita, ma non la tua personalità.

 

La personalità è distinta da intelletto (o QI). I due non si verificano insieme in modo significativo. La 

personalità è anche distinta da intelligenza emotiva (o EQ), e questo è dove lo studio, e la maggior parte

dei leader del resto, hanno male interpretato il termine.’’

 

 

Le componenti d’Intelligenza Emotiva son ormai oggetto di gran interesse ed al riguardo, in un articolo pubblicato

on Linkedin pulse il 27/1/’16 [2] Travis Bradberry evidenzia

‘’ In uno studio condotto presso la UCLA, i soggetti han valutato oltre 500 aggettivi in base alla loro importanza percepita.

Gli aggettivi top-rated non avevano nulla a che fare con l'essere socievoli, intelligenti, o attraenti

(caratteristiche innate). Invece, i primi aggettivi erano sincerità, trasparenza e capacità di comprensione (degli altri).

Questi aggettivi, e altri simili, descrivono le persone abili nel lato sociale di Intelligenza Emotiva.

TalentSmart dimostra con dati di ricerca che le persone che possiedono tali competenze [I.E.] non sono soltanto

altamente ''simpatici,, bensì superano con un ampio margine coloro che hanno bassi livelli di Intelligenza Emotiva. ‘’

 

 

Contributo interessante allo sviluppo delle competenze di I.E. è ben espletato dallo stesso in un Suo articolo

pubblicato il 3/1/’16 on Linkedin pulse [3] in cui Travis Bradberry chiarisce alcuni punti focali:

 ‘’apportare le modifiche desiderate per sviluppare un'unica intelligenza skill-emotiva (EQ) è possibile.

Dati di ricerca negli ultimi due decenni han dimostrato che l'Intelligenza Emotiva è probabilmente il fattore

singolo di successo più potente ad oggi scoperto, che interessa tutto: dal vostro rendimento professionale,

al vostro umore e la qualità della vostra vita personale.

SOFT SKILLS < ATTITUDINI VS TRATTI di PERSONALITA' >

Abbiamo testato l'Intelligenza Emotiva insieme altri 33 competenze critiche: non c'è da meravigliarsi che il

90% dei top performer hanno alta EQ e le persone con alti EQ concretizzano 28.000 $ in più ogni anno rispetto ai

loro omologhi bassi EQ.

 

Ma come fa l'Intelligenza Emotiva a giocare un ruolo così grande in così tante competenze importanti?

I nostri cervelli sono cablati in modo tale che le emozioni sono la radice di ogni comportamento umano.

Se ne siamo consapevoli o no, la motivazione fonte di ogni azione (non importa quanto piccola)

resta intrinsecamente emozionale.

 

Ecco come ‘funziona’:

Tutti i vostri sensi primari sono alla base del cervello. Prima di poter pensare razionalmente a quello che

stai vivendo, questi segnali devono ‘viaggiare’ attraverso il sistema limbico del luogo in cui si generano le

emozioni. In questo modo garantiscono sempre una reazione emotiva agli eventi [la prima].

SOFT SKILLS < ATTITUDINI VS TRATTI di PERSONALITA' >

L'intelligenza emotiva assicura la comunicazione efficace tra i centri razionali ed emozionali del cervello.

Al migliorare la vostra intelligenza emotiva, migliora la vostra capacità di comprendere e

controllare le motivazioni principali del vostro comportamento di ogni giorno.

L'intelligenza emotiva è potente ed efficiente, permette di concentrare le vostre energie su una singola

abilità con enormi risultati.

 

Che cosa fa l'Intelligenza Emotiva?

L'Intelligenza Emotiva è il "qualcosa" in ciascuno di noi, che è un po' intangibile. Comprende come gestiamo

il comportamento, le complessità sociali ed assumiamo decisioni personali per ottenere risultati positivi.

L'Intelligenza Emotiva è composta da 4 competenze di base che si accoppiano in 2 competenze principali:

competenze personali E competenze sociali.

 

[cfr: rif.Domini di Daniel Goleman]  Image ©Copyright TalentSmart

Image ©Copyright TalentSmart_E.I.

1. Le competenze personali comprendono la vs auto-consapevolezza ed capacità di auto-gestione [self management], che si concentrano ‘’più su di voi individualmente che sulle vs interazioni con le altre persone’’. Le competenze personali implicano la vs capacità di rimanere consapevoli delle vs emozioni e gestire il vs comportamento e le vs tendenze.

1-a) Consapevolezza di sé è la vs capacità di percepire con precisione le vs emozioni e rimanerne consapevoli in tempo reale.

1-b) Self-Management è la possibilità di utilizzare la consapevolezza delle vs emozioni per rimanere flessibili e dirigere positivamente il vs comportamento.

 

2. Le competenze sociali son composte dalla vostra ‘sensibilità sociale’ e di gestione delle relazioni sociali; le competenze sociali includono la vostra capacità di comprendere gli altrui stati d'animo delle persone, il loro comportamento e le loro motivazioni, al fine di rispondere in modo efficace e migliorare la qualità dei vostri rapporti.

2-a) La consapevolezza sociale è la capacità di raccogliere con precisione le emozioni in altre persone e di capire ‘’cosa sta realmente accadendo’’.

2-b) Il Relationship Management è la possibilità di utilizzare la consapevolezza delle proprie emozioni e delle emozioni degli altri per gestire le interazioni con successo.

Migliorando la vostra Intelligenza Emotiva miglioreranno diverse altre competenze..’’

SOFT SKILLS < ATTITUDINI VS TRATTI di PERSONALITA' >

 

 

LeaderShip + Intelligenza Emotiva

 

Daniel Goleman nella Sua opera ''Leadership: The Power of Emotional Intelligence'' ben argomenta l’esigenza di

sviluppare l’Intelligenza Emotiva in quanto fattore determinante per il  successo della LeaderShip,

efficace proprio per effetto delle azioni di Leaders con alta Intelligenza Emotiva.

Paul Holland, in un Suo articolo del 12/1/’16 pubblicato on Linkedin pulse [4], rimarca questa evidenza

‘’perché gli individui di decisamente moderata IQ xxx vengon riconosciuti come grandi leader nei loro ambiti

professionali? La risposta probabilmente sta nella loro Intelligenza Emotiva.

L'Intelligenza Emotiva o EQ come spesso conosciuta, è una parola frequente nel lessico delle teorie moderne

della LeaderShip.

 

Ma che cos'è, come si influenzano i grandi leader, ed è qualcosa che può essere appresa e migliorata?

Il primo concetto di Intelligenza Emotiva ha ottenuto reale consenso nel 1998 in un articolo pubblicato sul

Harvard Business Review "Dentro la mente di un Leader" di Daniel Goldman. Resta un articolo 'seminale'

sull'argomento.

LEADER'S FOCUS by D.Goleman

 

Daniel Goldman ha studiato 200 grandi aziende globali e ha scoperto che, mentre le qualità tradizionalmente

associate a grandi leader quali intelligenza, tenacia, determinazione e visione sono presenti in tutti i grandi leader,

questi plus non sono sufficienti. Certo sono importanti, ma D.Goldman li etichetta come "capacità di soglia’’.

Daniel Goleman sostiene che i grandi Leaders si caratterizzano per un alto grado di Intelligenza Emotiva.

In realtà, la ricerca di D.Goleman ha scoperto che come fattore di ottime prestazioni l’EQ era due volte più

importante di altri fattori più tradizionali come IQ e competenze tecniche

(..) Identificare i modi in cui i Leaders possono sviluppare e migliorarsi mediante l’EQ [in gran parte

si genera a livello di sistema limbico del cervello] che può essere appresa e migliorata attraverso una combinazione di

cambiamenti di tipo motivazionale, affiancati da continua attività pratica E regolare professionale ‘feedback di prestazione’.

 

Ma quali sono le implicazioni di EQ per imprenditori e professionisti delle Risorse Umane focalizzati ad 

individuare e sviluppare i Leaders di domani? Eccone 3 ...

Criteri associati alla LeaderShip tradizionalmente come Quoziente d'Intelligenza e capacità tecniche - per

quanto importanti – non sono sufficienti per una LeaderShip efficace in senso globale ed in organizzazioni

multi-culturali nell'era digitale. Ciò è particolarmente importante in una forza lavoro globale di 50%

Millennials che hanno valori molto diversi, motivazioni e aspettative rispetto le generazioni precedenti.

Il processo di identificazione futuri Leaders - sia interni che di provenienza dall'esterno - deve chiaramente

riconoscere e valutare EQ di un Leader così come Quoziente d'Intelligenza e competenza tecnica.

 

image_I.E.LeaderShip

Alti dirigenti e professionisti delle Risorse Umane devono creare ambienti e generare culture dove i Leaders futuri possano sviluppare e migliorare le loro ‘’capacità di equalizzazione,,. Inoltre, essi devono attivamente sviluppare e attuare strategie e programmi che consentano ai Leader individuali (e futuri Leader) di potenziare e migliorare il loro EQ in un tempo chiaramente definito.

 

La saggezza popolare vorrebbe farci credere che le caratteristiche di EQ erano belle in grandi leader – saggezza più recente (e la ricerca) non dimostra il contrario,,

 

 

DEVELOPMENT

Stili di LeaderShip FORMAZIONE di Olga De Giorgi

 

Filone di Stili di LeaderShip sviluppatisi sulla base dei Domini di Intelligenza Emotiva di D.Goleman dallo stesso autore,

sono parte della suite di letteratura in materia di LeaderShip che, ormai, conta all’attivo oltre 30 Stili di LeaderShip sviluppati

in relazione a principi/assunti, teorie e modelli.

Nel mio format in STILI di LEADERSHIP propongo un’iniziale Consulenza finalizzata ad identificare le già presenti tendenze, caratteristiche, attitudini e capacità, valutazione su cui si focalizza il mio intervento formativo che verte sull’ incremento del know how caratteristico E sull’effettivo sviluppo / potenziamento di un’efficace LeaderShip.

SOFT SKILLS < ATTITUDINI VS TRATTI di PERSONALITA' >

Nel rispetto di quanto sopra, ed in considerazione delle molteplici realtà in cui i Leaders si (ri)trovano nei diversi contesti organizzativi, la mia Formazione in Stili di LeaderShip consente l’adeguata [ed impegnativa] preparazione.

 

Perché più Stili di LeaderShip? 

 

 

 

 

 ‘’I believe leadership is influence. Nothing more. Nothing less.

If we’re not modeling what we’re teaching, then we’re teaching something else.

What do we do with our leadership skills?

I believe we develop others by helping them grow, transform, and achieve greater results.

First within themselves; then, with and through others from where ever they are.

I believe everyone is a leader and can influence those above, below, and beside them.’’ By Mack Story

 

In ITA..

‘’Credo che la LeaderShip è influenza. Niente di più. Niente meno.
Se non stiamo modellando quello che stiamo insegnando, allora stiamo insegnando qualcosa d'altro.
Cosa facciamo con le nostre capacità di LeaderShip?
Credo che sviluppiamo gli altri, aiutandoli a crescere, si trasformano, per ottenere maggiori risultati.
 In primo luogo dentro di sé; poi, con E attraverso gli altri.
Credo che ognuno è un Leader e può influenzare quelli sopra, sotto e accanto a loro.’’
                                                                                                                                                                                         Mack Story

 

 

agg.links 31/1/'18

 

 

 

 

 

 

Olga De Giorgi
RECRUITER, HR & SALES CONSULTANT, FORMATORE

 

 

 

Citazioni tratte
[1] da articolo titolato‘’10 Ways To Spot A Truly Exceptional Employee’’ by Travis bradberry on forbes.com [9/2/’16] 
[2] da articolo titolato ‘’13 Habits of Exceptionally Likeable People’’ by Travis Bradberry on Linkedin pulse [27/1/’16] 
[3] da articolo titolato ‘’How To Exceed Your Goals In 2016’’ by Travis Bradberry on Linkedin pulse  [3/1/’16]  
[4] da articolo titolato ‘’Emotional Intelligence – the X factor for great leaders?’’by Paul Holland on Linkedin pulse  [12/1/’16]  
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Posted in SVILUPPO del POTENZIALE.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.